Background Image
Mussoni_banner_OK.jpg


Sabato 29 dicembre 2018 - ore 22:00

MAURO MUSSONI QUINTET
"Lunea"

Mauro Mussoni contrabbasso
Simone La Maida sax
Beppe Di Benedetto trombone
Massimiliano Rocchetta pianoforte
Andrea Grillini batteria

"Lunea" è il nuovo progetto discografico maturato da Mauro Mussoni ed inciso per Alfa Music di Roma. Al suo interno troviamo belle composizioni originali, frutto delle avventure e delle suggestioni dettate dall’esperienza e dalla ricerca in ambito jazzistico.
Il risultato è un viaggio nel pianeta (la luna) che rappresenta l’intimità del nostro animo. Un pianeta dal fascino romantico e ospitale, ma anche laconico ed introverso. Una dimensione affascinante in continua evoluzione.

Il contrabbassista e leader del gruppo Mauro Mussoni fin da giovanissimo si avvicina alla musica jazz frequentando corsi e masterclass con maestri del calibro di Buster Williams, Furio Di Castri, Paolino Dalla Porta, Yuri Goloubev, Benny Golson, George Cable, Jimmy Cobb, John Kinnyson, Jesse Smith, Joey De Francesco e Michael Blake. Si è diplomato poi in musica jazz presso il Conservatorio di Adria sotto la guida di Paolo Ghetti, Bruno Tommaso, Fabio Petretti, Paolo Silvestri e Bruno Cesselli. Vanta diverse importanti collaborazioni artistiche, come quelle con Fabrizio Bosso, Flavio Boltro, Max Ionata, Nico
Gori, Roberto Tarenzi, Claudio Filippini, Mario Biondi, Rosalia De Souza,
Fabio Concato, Nicola Conte, Marco Tamburini, Roger Beaujolais, Stefano Bedetti, Carlo Atti e diversi altri.

“La musica è arte vera, pura e cristallina. Ti arriva diretta al cuore e ti emoziona. La musica é una grande passione che non ti abbandona.
Ascoltando il CD di Mauro Mussoni, primo lavoro discografico da leader, ho avvertito un grande impegno riguardo la composizione. Brani originali scritti e arrangiati con le sue stesse mani.
Condivido la scelta di musicisti con i quali collabora. Ritmica affiatata e compatta.
Mauro ha realizzato questo suo primo progetto, con umiltà e sincerità.
Solo e ancora buona musica, qualcosa di nuovo da scoprire."
Flavio Boltro