Background Image
Harrell_web.jpg


Clarissa Colucci Quartet
TOM HARRELL INFINITY QUINTET


Sabato 29 Febbraio 2020 
ore 21:15
Piacenza - Spazio Le Rotative
DOPPIO SET

CLARISSA COLUCCI QUARTET
Clarissa Colucci voce
Davide Brillante chitarra
Francesco Angiuli contrabbasso
Michele Morari batteria

TOM HARRELL INFINITY
Tom Harrell tromba
Mark Turner sax
Charles Altura chitarra
Ben Street contrabbasso
Johnathan Blake batteria

Interi € 22 - Ridotti € 18

Prevendita online (dal 1 febbraio): www.diyticket.it
Anche in tutte le ricevitorie Sisal

Concerto anche in abbonamento

Inaugurazione di gran classe per il concerto di apertura di questa diciassettesima edizione del Piacenza Jazz Fest, con un doppio set di grande spessore.
Tanta musicalità corroborata da un forte senso del Blues, queste le caratteristiche attribuite a Clarissa Colucci, vincitrice lo scorso anno del Concorso Nazionale "Chicco Bettinardi" per Nuovi talenti del Jazz italiano e quindi presentata in cartellone ad aprire addirittura il concerto inaugurale del Piacenza Jazz Fest 2020. Un’occasione importante per apparire, ma soprattutto per farsi ascoltare da un largo pubblico di appassionati. Questo è l’intento del contest Bettinardi nei confronti dei talenti vincitori. Accompagnata da giovani e altrettanto talentuosi musicisti, la cantante modenese con loro dimostrato la chiara capacità di sperimentare una libertà di interazione e di espressione, ponendosi come obiettivo quello di una grande autenticità musicale.
Il quartetto propone un repertorio principalmente incentrato sulle melodie dei grandi compositori come Cole Porter, Harold Arlen e Horace Silver che mettono in luce le potenzialità della voce come strumento solista e leader del gruppo.

Nel secondo set un quintetto che probabilmente non ha eguali sulla scena internazionale. 

Tom Harrell, classe 1946, ha ormai da tempo raggiunto le vette della musica afroamericana e i suoi concerti sono garanzia di qualità sopraffina. Da qualche anno ha abbandonato la scrittura per grandi organici per dedicarsi al suo attuale quintetto, formato dal saxofonista Mark Turner, dal chitarrista Charles Altura, dal contrabbassista Ben Street e dal batterista Johnathan Blake. Il tour mondiale per la presentazione del loro recentissimo album di inediti dal titolo “Infinity”, fa tappa allo Spazio Rotative in quella che si può definire un’occasione unica da cogliere al volo.
Harrell è dotato di un’eccezionale conduzione tecnica dello strumento e una vasta e rigorosa conoscenza musicale, armonica in particolare, oltre che di un senso della ricerca e un gusto interpretativo unici, qualità che lo rendono uno dei migliori trombettisti di tutti i tempi.
Giudicato dalla critica uno dei dischi più belli della sua luminosa carriera, “Infinity” è ricco di strutture naturali, raffinatezza armonica, improvvisazioni inquiete e un mix di caleidoscopiche influenze hard-bop e post-bop. L'album comprende dieci composizioni di Harrell arricchite dal decisivo apporto musicale del suo speciale quintetto, dove le abilità di tutti emergono con evidenza. Turner in particolare, completamente a suo agio in questa musica, si conferma semplicemente geniale mentre Harrell infonde la sua sensibilità su ogni melodia, circondandola di una luce soffusa. Sono appunto le melodie una della componenti stilistiche della musica del trombettista che l’hanno reso famoso, perché costruite su tessuti armonici mai banali e, anzi, spesso intimamente innovativi. Ciò non toglie che la loro cantabilità sia contagiosa, così come l’energia sprigionata dai musicisti, grazie ad un interplay che non viene mai meno.
Il risultato, come si può intuire, è eccezionale e merita l’ascolto dal vivo.


- - - - - - - - - - - -

I consigli di Jody
Da ascoltare: