Background Image
Rava_Lovano_web.jpg


Bright
ENRICO RAVA e JOE LOVANO QUINTET - "Roma" 

Sabato 21 marzo 2020 ore 21:15
Piacenza – Sala degli Arazzi c/o Galleria Alberoni

BRIGHT
Manuel Caliumi 
sax
Mauro Spanò 
pianoforte
Marcello Abate 
chitarra
Martino De Franceschi
contrabbasso
Federico Negri 
batteria

ENRICO RAVA & JOE LOVANO QUINTET
Enrico Rava tromba
Joe Lovano
 sax tenore
Giovanni Guidi pianoforte
Dezron Douglas contrabbasso
Nasheet Waits batteria

Interi € 22 - Ridotti € 18
Prevendita online: www.diyticket.it

Concerto anche in abbonamento

Dopo il supergruppo della settimana precedente, protagonista di questo secondo appuntamento nella splendida Sala degli Arazzi della Galleria Alberoni sarà un quintetto di puri talenti, guidato da due leader formidabili del calibro di Joe Lovano ed Enrico Rava, per la prima volta insieme, uniti in un progetto che intende omaggiare il 50° dell’etichetta tedesca ECM di Manfred Eicher. Il concerto, tappa piacentina di un tour mondiale, intende proseguire l’esperienza live all’Auditorium Parco della Musica di Roma, che ha portato all’incisione di “Roma”. Uscito proprio l’estate scorsa, all’indomani dell’ottantesimo compleanno del trombettista, il disco ha documentato l’incontro tra il decano del Jazz italiano con Joe Lovano, magistrale tenorista statunitense di (lontane) origini siciliane. Ad affiancare i due giganti ai fiati, una sezione ritmica vivace, che comprende il lirico e audace pianista Giovanni Guidi, collaboratore di Rava da lungo tempo, il dinamico batterista Nasheet Waits e una stella emergente del contrabbasso, Dezron Douglas, già ospite del festival in passato. L’idea iniziale era quella di andare in studio di registrazione, ma il live piacque così tanto a Manfred Eicher e allo stesso Rava che decisero di usare quello, esito felice di una serata bellissima, sia per la musica che per lo speciale rapporto che si era instaurato col pubblico in sala.

Il programma rispecchia quello del disco e comprende alcuni dei brani più amati dai due leader, che permettono loro di spaziare e di sfruttare al massimo le loro abilità di improvvisatori, lasciando ampi margini di manovra e libertà per portare la musica esattamente dove loro vogliono che vada. Dal loro interplay emergono i punti di contatto tra Rava e Lovano che sono numerosi, il più evidente è che entrambi sono legati alla tradizione, che però vedono non come un qualcosa di statico a cui attenersi rigorosamente, ma come un punto di partenza per un lancio nel vuoto, con o senza paracadute.

- - - - - - - - - - - -

I consigli di Jody per l’ascolto:
- Roma
- Opening Night (di Enrico Rava)
- Trio Tapestry (di Joe Lovano)