Un grazie sincero a…

…tutti coloro che ci frequentano, ci incoraggiano e non ci fanno mai mancare il loro sostegno.

Grazie alla commissione artistica e al preziosissimo staff di volontari del festival e grazie a tutti i Soci del Piacenza Jazz Club, senza i quali tutto ciò avrebbe meno senso.

È bello poter ringraziare chi ci aiuta a realizzare ogni anno la nostra mission, il nostro sogno, chi contribuisce in vari modi ad essere portatore di cose buone. È anche molto bello vedere i sorrisi che ogni ringraziamento genera, che siano ben visibili oppure interiori, ma sempre sorrisi… e di questi ne abbiamo bisogno davvero tutti!

Un grazie sincero al Presidente Roberto Reggi e a tutto il Consiglio d’Amministrazione della Fondazione di Piacenza e Vigevano, organismo vitale per questa iniziativa; grazie per il sostegno economico che la Fondazione ci ha assicurato fin dalla prima edizione, permettendoci di continuare e di crescere, anche in momenti economicamente molto difficili. Grazie a Mario Magnelli, responsabile della Commissione Cultura della Fondazione. Un sentito ringraziamento alla dott.ssa Tiziana Libè, vice direttore generale della Fondazione di Piacenza e Vigevano, per la sapiente guida e la simpatia e apprezzamento sempre riservati alla nostra iniziativa. Grazie al Ministero della Cultura, che anche quest’anno ci ha concesso il suo prestigioso patrocinio.

Grazie al direttore del Conservatorio “Nicolini”, il M° Walter Casali e al Presidente del Consiglio Accademico, professoressa Gianna Arvedi, per la fattiva e preziosa collaborazione e per la grande considerazione che nutrono verso la nostra iniziativa.

Un grazie di cuore a Donatella Ronconi dell’Editoriale Libertà per il suo sostegno, per esserci sempre vicino col suo entusiasmo, il sorriso e la fiducia; così come al Presidente Alessandro Miglioli e al Direttore Pietro Visconti. Grazie a Nicoletta Bracchi e a Telelibertà.

Un grazie a tutte le redazioni che supportano la comunicazione degli eventi.

Grazie al dott. Giorgio Braghieri, presidente dell’Opera Pia Alberoni, per la produttiva partnership con il festival.

Grazie ai dirigenti scolastici dei licei “Gioia” e “Respighi” e dell’IC di Bobbio per le sinergie attivate con “Il Jazz va a Scuola”. Grazie ad Alessandra Bonomini di Infoambiente per l’organizzazione dei Jazz Pedibus. Un sentito grazie a Enrico Rizzo, presidente dell’associazione “Oltre il muro” e a Maria Gabriella Lusi, direttrice della casa circondariale di Piacenza per il fondamentale supporto legato al concerto in carcere.

Un ringraziamento speciale va alla grande famiglia della “Federazione Nazionale il Jazz Italiano” e in particolare a I-Jazz, l’associazione che racchiude quasi tutti i festival jazz italiani.

Grazie ai giurati del “Concorso Bettinardi”, Giuseppe Parmigiani, Fabio Bianchi, Jody Borea, Lorenza Cattadori, Roberto Cipelli, Pietro Corvi, Aldo Gianolio, Debora Lombardo, Massimo Manzi, Oliviero Marchesi, Paolo Menzani, Giancarlo Spezia, Diana Torto, Tino Tracanna, Attilio Zanchi e Andrea Zermani.

Grazie a Sandra Costantini di Jazz Network; a Claudio Dodici di “TRS Ecologia”; a Roberto e Paolo della “Barocelli Elevatori”; a Metronotte Piacenza; a Yamaha Music Europe; a Gabriele Zazzi; a Carlo Alberto Fiorani dell’Hotel Ovest; a Jazzitalia.net e a Radio Bruno.

Grazie ad Angelica Dadomo che si occupa con professionalità dell’ufficio stampa del festival; grazie a Fausto Mazza e al suo studio di comunicazione per la creativa e attenta cura dell’immagine del festival. Un grazie a Massimo e a Marco di “Tamagni Pianoforti” per la loro professionalità che da sempre è al fianco del festival. Grazie a Ettore Quaglia per la documentazione video e a Giancarlo Carraro per le multivisioni. Grazie ai nostri fotografi ufficiali e a tutto lo staff tecnico di Sartori Service e di Acid Studio. Grazie a Mauro del Papa per il professionale supporto fotografico.

A tutti voi grazie e buon festival!